martedì 11 ottobre 2016

PRIMO CAMPIONATO FIGC DIVERSAMENTE ABILI

SE VUOI CHIAMALE EMOZIONI ...


Lunedì 10 Ottobre 2016 , una data storica per il calcio , ed in generale ,per lo sport vero e ricco di principi e valori : la FIGC ha varato il primo campionato per atleti diversamente abili denominato Quarta Categoria. Alla manifestazioni erano presenti , oltre al Presidente Federale Carlo Tavecchio , anche molti rappresentanti delle maggiori società di Serie A tra cui Marotta per la Juventus , Galliani per il Milan , Ausilio per l’Inter , Preziosi per il Genoa e molti ex giocatori tra cui Ferri , Ganz e Sergigno (molto disponibili ad intrattenersi con tutti ) e ovviamente tutte le maggiori testate televisive e giornalistiche. Una serata dove accantonate le tensioni del campionato i più importanti esponenti delle maggiori compagini del calcio italiano si sono avvicinati ad una realtà diversa (diversa forse solo per la voglia di stare insieme a scapito della ricerca ossessiva del successo) lasciandosi andare anche ad episodi simpatici come improvvisate gare canore , un momento in cui non si è parlato di calciomercato o polemizzato su questioni regolamentari ma ci si è concentrati sull’importanza di tornare al calcio delle origini , un bellissimo gioco aperto a tutti. Tra le 8 squadre che parteciperanno a questo primo storico campionato che nasce in Lombardia, ma potrebbe estendersi presto al resto d’Italia, spicca l’ Ac Ossona , la più giovane tra le compagini presenti che senza dubbio sfrutterà questa ennesima opportunità per favorire la diffusione dell’importanza dello sport per questi meravigliosi atleti , ora non solo a livello territoriale ma anche nazionale . Un compito arduo e impegnativo per la società ossonese che oltre a garantire l’attività sportiva e non solo ai suoi 25 atleti “speciali” favorendone la piena integrazione sia dentro che fuori il terreno di gioco dovrà essere promotore dello sviluppo a livello nazionale di questo modo di vedere e soprattutto interpretare uno sport veramente per tutti.




Nessun commento:

Posta un commento