venerdì 18 gennaio 2019

GIOCHI NAZIONALI INVERNALI SPECIAL OLYMPICS ITALIA

UNA BARDONECCHIA MOLTO SPECIAL







Dal 14 al 19 Gennaio 2019 Bardonecchia è stata la fortunata sede dei trentesimi Giochi Nazionali Invernali Special Olympics Italia che hanno registrato la partecipazione record di ben 500 atleti provenienti da tutto lo stivale . Tra questi gli atleti ossonesi Cristian Spinelli e Davide Janni più volte medaglie d’oro nelle scorse edizioni nelle brevi distanze dei 25 e 50 metri , disciplina racchette da neve . In considerazione del prestigioso curriculum di Spinelli e Davide e alla ricerca di nuove motivazioni e stimoli in questo avvincente cammino di crescita sportiva e non solo , quest’anno lo staff tecnico ha deciso di iscrivere gli atleti in forze all’ Ac Ossona Special e aggregati per l’occasione al Team dei Quadrifogli di Vigevano nelle lunghe distanze rispettivamente dei 100 e 200 metri , oltre che nella staffetta 4x100 .In pochi scommettevano su un piazzamento di Spinelli e Davide nonostante i duri allenamenti dei mesi precedenti : l’ inesperienza sulle lunghe distanze e la relativa gestione della corsa non facevano presagire imprese sportive come le scorse stagioni . Invece , come da slogan ormai consolidato , Cristian Spinelli e Davide Janni sorprendono sempre . Spinelli straordinario nella finale dei 100 metri dove con un sprint degno del miglior Usain Bolt ha conquistato una inaspettata quanto meritata medaglia d’oro , senza aggettivi l’impresa sui 200 metri dove invece è riuscito a gestire il vantaggio maturato nei primi metri e guadagnare nuovamente il gradino più alto del podio . Sfiorata invece l’impresa nell’ultima gara dei giochi , la staffetta 4 x 100 dove Cristian e i suoi compagni del Team I Quadrifogli di Vigevano salivano sul podio mostrando con orgoglio la medaglia d’argento conquistata .Ottime anche le prestazioni di Janni che inserito nella batteria più ostica conquistava un meritato Argento nei 100 metri e un sudatissimo bronzo nei 200 metri . Vedere i rappresentanti delle istituzioni locali , la gente comune e soprattutto gli studenti delle scuole riversarsi in massa a bordo pista per tifare gli atleti indipendentemente dalla regione di provenienza e dalla società di appartenenza , la medaglia più bella vinta in questi trentesimi Giochi . Grazie quindi a Cristian e Davide per ricordarci ogni volta la bellezza dello sport per tutti , indipendentemente dal sesso , dal colore della pelle e dalle abilità fisiche e intellettive.

 

Nessun commento:

Posta un commento